BEC – Psilocybin Therapy

BEC

Nuovo EP in uscita su Terminal M di Monika Kruse

Dopo un ottimo 2020, che ha visto il lancio della sua label omonima, BEC torna in prima linea con un EP di 3 tracce su Terminal M di Monika Kruse – ‘Psilocybin Therapy’ è ora disponibile su tutte le piattaforme di streaming.

Le 2 original e il remix di Egbert formano un EP interamente dedicato al dance floor.
La traccia omonima “Psilocybin Therapy” apre le danze; il mood è da peak-time, con sfumature dark fuse a riff vocali ipnotici e un lead synth carico di trance.
Il sintetizzatore in stile drone e un arioso sample vocale caratterizzano la seconda traccia, “Energy”.
Il remix di Egbert di “Psilocybin Therapy” chiude l’EP. Rimanendo fedele a molti degli elementi dell’originale, il produttore olandese si dirige in acque techno più pesanti e scure.

In soli 5 anni BEC ha dimostrato di poter contribuire molto alla scena, raggiungendo traguardi importanti quali Drumcode e Second State.
Testimonial di colossi come Roland e Novation per la presentazione di nuovi prodotti, BEC ha aggiunto Mercedes alla lista, sia producendo la colonna sonora che recitando nella loro ultima pubblicità.

BPM Festival: Costa Rica posticipato al 2022

The BPM Festival

Purtroppo non giungono notizie positive con l’arrivo del nuovo anno e l’attuale pandemia continua a rimandare tutti i principali eventi in giro per il mondo.

E’ notizia di pochi giorni che il Bpm Festival: Costa Rica, previsto ad inizio Marzo, è stato posticipato a Gennaio 2022.
Questa è la dichiarazione ufficiale della produzione:

Cara Famiglia BPM,
Dopo molte considerazioni, dobbiamo annunciare che il BPM Festival: Costa Rica, originariamente previsto per il 3-7 marzo 2021, sarà rinviato al 12-18 gennaio 2022

Fin dall’inizio, i piani per la nostra prossima edizione si basavano sulle linee guida del governo costaricano e sul graduale ritorno di eventi di massa, che includevano il ritorno al 100% della capacità entro marzo 2021. Il nostro lavoro di collaborazione con il governo del Costa Rica è stato costante, tuttavia la completa chiarezza sulle restrizioni è rimasta irraggiungibile, quindi abbiamo ritenuto che non saremmo stati in grado di offrire l’esperienza del festival che ci sforziamo di darvi e, cosa più importante, che ti aspetti da noi.

Vorremmo sottolineare che il rinvio non è in alcun modo il risultato di focolai all’interno del paese o del mancato ottenimento di permessi o autorizzazioni relativi al BPM. La nostra priorità principale è ed è sempre stata quella di fornire ai nostri ospiti l’esperienza più piacevole nell’ambiente più sicuro possibile. Sfortunatamente, con la continua incertezza che circonda il COVID-19, questo si è rivelato un obiettivo irraggiungibile, nonostante il nostro ampio piano sanitario. Abbiamo esplorato molte opzioni per portare a termine il festival, inclusi test rapidi in loco, e alla fine abbiamo condiviso il tuo sentimento di delusione e frustrazione per questa decisione.

Anche se ci piacerebbe vederti a Tamarindo per il BPM Festival: Costa Rica 2022, e stiamo lavorando con gli agenti per mantenere il più possibile intatta la formazione per il prossimo anno, abbiamo escogitato diverse opzioni per soddisfare al meglio ogni situazione. Gli acquirenti dei biglietti per The Bpm Festival: Costa Rica 2021 possono ora scegliere tra le 2 opzioni seguenti:

1) Vorrei conservare i miei biglietti per il BPM Festival: Costa Rica 2021, che potrò utilizzare per l’edizione 2022 *

Gli acquirenti che scelgono di rinnovare il proprio biglietto anche per l’edizione del prossimo anno riceveranno gratuitamente i seguenti upgrade:

I 5 giorni del festival saranno estesi a 7 giorni nel 2022
8 showcase addizionali che saranno disponibili per coloro che hanno rinnovato
1 oggetto in omaggio del Merchandise BPM come segno di apprezzamento

* Tieni presente che questa sarà l’opzione predefinita per coloro che non scelgono di essere rimborsati entro il 25 gennaio 2021.

2) Vorrei ricevere un rimborso.

Se non hai intenzione di partecipare all’edizione del prossimo anno The BPM Festival: Costa Rica, puoi richiedere il rimborso tramite il tuo account Xtixs contattando il loro servizio clienti. Chi vuole il rimborso avrà tempo fino al 25 gennaio 2021 per scegliere questa opzione.

Grazie per il vostro continuo supporto durante lo scorso anno, senza fedeli partecipanti come voi, il BPM Festival non esisterebbe oggi. Non vediamo l’ora di fornirvi l’esperienza migliore e più sicura che BPM ha da offrire nel gennaio 2022.

Con Amore,
The BPM Festival

Noemi Black debutta su Substeal Records

Noemi Black

Con il remix per lo spagnolo Alberto Ruiz, Noemi Black segna un altro debutto importante e si conferma essere in grande forma

La giovane e talentosa Noemi Black è una delle Dj che seguiamo con particolare attenzione.
Ci piace il suo stile dark, raw, industrial, spesso accompagnato da melodie ipnotiche e quasi sempre spacca pista.

Il 2020 è stato, dal punto di vista discografico, un anno molto intenso e prolifico per la produttrice polacca. Il debutto su Substeal Records, con il remix per lo spagnolo Alberto Ruiz segue una lunga lista di ottime produzioni techno underground, cominciata con il remix ‘Absorcol’ su Dolma Red e continuata con original e remix per Black Nemesis Records, Eclipse Recordings, Prospect Records e due EP sulla sua Technical Vibe.

inside noemi black remixIl remix stravolge quasi completamente la versione originale, della quale mantiene il giro melodico ipnotico plasmato su un groove techno da 133 bpm. Dal sicuro effetto in pista, la track sembra particolarmente adatta per le prime ore del mattino.

Il lavoro di Noemi completa un ottimo Ep che vede, oltre alla original, i remix di Irregular Synth e Pierre Blanche. E’ disponibile nei digital store e sulle piattaforme streaming dal 14 dicembre.

BEC presenta ‘The Remixes’ EP

BEC

Da Brighton al resto del mondo, in soli 5 anni il talento, e il successivo successo di BEC, è cresciuto a una velocità vertiginosa.

Nei primi mesi dell’anno ha lanciato la sua omonima etichetta con l’intento di crearsi uno spazio creativo illimitato. Le prime 2 uscite, ‘BEC 001’ a marzo e ‘Turning Point’ a settembre, sono state molto apprezzate e supportate.

Il terzo EP in uscita contiene i remix delle tracce ‘Downwards Spiral’ e ‘Time Illusion’, affidati alle ottime mani di Deep Dimension, Mattia Trani, Peder Mannerfelt, oltre al Rave Remix della stessa BEC di ‘Time Illusion’.
‘The Remixes’ EP è disponibile su tutte le piattaforme streaming e digital store.

The Remixes EP
Il brano che apre le danze è il remix di ‘Time Illusion’ ad opera di Deep Dimension.
L’artista preserva molti elementi del pezzo originale e crea una nuova versione con sonorità graffianti dominate da un sintetizzatore rave old school.

L’astro nascente della techno italiana Mattia Trani offre invece 2 versioni di ‘Downwards Spiral’. Le sue rielaborazioni, chiamate Old School e New School, sono un ottimo mix di linee di basso aggressive, groove frenetici e con il giusto tocco acid.

Peder Mannerfelt presenta la sua versione industrial di ‘Time Illusion’. Noto per la sua natura sperimentale, il remix di Peder è per gli amanti della raw techno più pura. Il mix tra i suoni meccanici, il groove di sintetizzatore “grezzo” e “sporco” rende la linea sonora unica e cupa, fuori dai concetti tradizionali.

Per chiudere l’EP, BEC stravolge la sua ‘Time Illusion’ con il Rave Remix. La nuova edit è tutto ciò che aspetteresti, appunto, da un rave. Bpm elevati, cassa distorta linea acid in primo piano, pausa breakbeat e sintetizzatore pronto per i rave.

BPM Festival: Costa Rica – prima fase line up 2021

BPM Costa Rica

Il BPM Festival presenta i primi nomi in line up per la seconda edizione in Costa Rica, Tamarindo, dal 3 al 7 marzo 2021.

La line up di questa seconda edizione include Dubfire, Hernan Cattaneo, Loco Dice, Nicole Moudaber, Ricardo Villalobos, Skream e molti altri 

È stata annunciata la tanto attesa line up della seconda edizione del BPM Festival: Costa Rica. Ovviamente non mancano i grandi nomi e alcune novità. Nella prima fase figurano artisti ben noti nel panorama house e techno, tra cui Dubfire, Hernan Cattaneo, Latmun, Loco Dice, Neverdogs, Nicole Moudaber, Paco Osuna e Stacey Pullen, solo per citarne alcuni. L’atteso evento ritorna nella pittoresca cittadina balneare costaricana di Tamarindo per cinque giorni e cinque notti dal 3 marzo al 7 marzo 2021.

Dopo un anno devastante causato dalla pandemia globale, il BPM Festival riapre nuovamente le porte agli artisti, ai professionisti del settore e ai tanti fan che hanno reso il marchio celebre negli ultimi 10 anni. 30 artisti della famiglia BPM sono già stati annunciati per suonare su più palchi in splendide location all’aperto. Tra le novità c’è il debutto al BPM del cileno Ricardo Villalobos e della leggenda italiana Gaetano Parisio, oltre al ritorno di artisti fondamentali del BPM come Carlo Lio, Loco Dice, Nicole Moudaber, Paco Osuna, e l’icona progressive Hernan Cattaneo in un’emozionante esibizione notturna.

Situata nella provincia costiera di Guanacaste in Costa Rica, la giungla di Tamarindo ospiterà gli spettacoli in diversi luoghi caratteristici e pittoreschi. Gli spettatori del festival potranno godersi i set in diverse strutture, che saranno presto rivelate, sia di giorno che di notte. La formula è simile a quella dell’ultima edizione, stage multipli in luoghi all’aperto, ma con diverse nuove aggiunte, tutte ancora in lavorazione. Molti ospiti e label showcase devono ancora essere annunciati ma già l’attuale programmazione è ricca di nomi interessanti: Apollonia, Bedouin, Ben Sterling, Carl Craig, Danny Tenaglia, Hector, Ingi Visions, Jean Pierre, Jesse Calosso, Joey Daniel, Kenny Glasgow, Luciano, Matthias Tanzmann, Nathan Barato, Nick Curly, Rony Seikaly, Sonja Moonear e wAFF.

Per raggiungere il festival si può atterrare all’aeroporto internazionale della Liberia (LIR), e proseguire per circa un’ora in macchina fino a Tamarindo. Un’altra opzione è quella di atterrare all’aeroporto internazionale di San José (SJO), che si trova a tre, quattro ore di macchina dalla città. Tutti i partecipanti al festival devono seguire le norme di sicurezza COVID-19 e devono aderire alle linee guida e alle regole specifiche del paese.

Hector @ BPM Costa Rica 2020 [Photo Credit: Alive Coverage]

In Costa Rica, i servizi essenziali come trasporti pubblici e ospedali funzionano normalmente e sono obbligatorie le mascherine negli gli spazi pubblici e nelle aree interne quando non si mangia o si beve. Ai cittadini statunitensi e ai cittadini della zona Schengen è consentito entrare per via aerea. I visitatori che si recano per il BPM Festival, dovranno fornire una prova di assicurazione medica per coprire tutti i potenziali problemi relativi a COVID-19. Tutti coloro che entrano nel Paese devono inoltre compilare un modulo Health Pass obbligatorio, che può essere trovato nel link sotto. Il BPM Festival si impegna a garantire un evento a partecipazione internazionale sicuro e opererà con la massima efficienza per il benessere dei partecipanti.

INFORMAZIONI HEALTH PASS COVID-19 COSTA RICA

In caso di rinvio, verranno emessi rimborsi o crediti ai partecipanti che lo richiedono. A causa delle restrizioni di viaggio COVID-19 in corso, il festival desidera fornire la massima flessibilità per le opzioni disponibili. Per coloro che hanno acquistato il pass festival di più giorni, ma non possono più partecipare, hanno a disposizione tre scelte: un’opzione di credito, una di rivendita e una di rimborso.

Per chi desidera ottenere il credito, potrà trasferire il pass per la prossima edizione del BPM Festival: Costa Rica. Per chi sceglie la rivendita, i biglietti acquistati tramite Xtixs potranno essere rivenduti tramite la piattaforma. E’ fondamentale che il nome del nuovo acquirente corrisponda al nome sul biglietto. Da notare che le piattaforme di terze parti come Stubhub o TicketSwap non sono rivenditori autorizzati per il festival.

THE BPM FESTIVAL: COSTA RICA – TICKETING FAQ

Infine, per chi desidera chiedere il rimborso, verrà concesso l’85% del valore nominale del biglietto, esclusi i costi e le commissioni di servizio specifici della piattaforma Xtixs. I rimborsi verranno elaborati completamente entro 30 giorni dalla richiesta iniziale. Tutte le richieste di rimborso devono essere effettuate entro le 23:59 ET del 24 febbraio 2021, a meno che il luogo di provenienza non venga rimosso dall’elenco approvato dei viaggiatori internazionali entro una settimana dal festival, ossia dal 25 febbraio al 2 marzo 2021. Se ti viene negato l’accesso nel paese a causa del mancato rispetto di uno dei requisiti COVID-19 stabiliti dal paese, non verrà concesso alcun rimborso o credito.

I biglietti sono in vendita sul sito ufficiale TheBPMFestival.com, tramite Xtixs.
Early-bird già sold out!!

The BPM Festival: Costa Rica Phase 1 Artist Lineup (in ordine alfabetico):

APOLLONIA
BEDOUIN
BEN STERLING
CARL CRAIG
CARLO LIO
DANNY TENAGLIA
DUBFIRE
GAETANO PARISIO
HECTOR
HERNAN CATTANEO
INGI VISIONS
JEAN PIERRE
JESSE CALOSSO
JOEY DANIEL
KENNY GLASGOW
LATMUN
LOCO DICE
LUCIANO
MATTHIAS TANZMANN
NATHAN BARATO
NEVERDOGS
NICK CURLY
NICOLE MOUDABER
PACO OSUNA
RICARDO VILLALOBOS
RONY SEIKALY
SKREAM
SONJA MOONEAR
STACEY PULLEN
wAFF
+ many more to be announced!

Simina Grigoriu – Sandbox Wars

Simina Grigoriu Sandbox Wars

Simina Grigoriu debutta sulla berlinese Off Recordings 

Sandbox Wars è la nuovissima traccia prodotta da Simina Grigoriu e rilasciata sulla label di Andre Crom, Off Recordings.

simina grigoriu sandbox wars off recordings

Nata in Romania e cresciuta a Toronto, Simina attualmente resiede a Berlino, luogo che chiama casa e principale fonte della sua ispirazione creativa, una fonte tanto diversa quanto le sue influenze. Dj e produttrice,  è riconosciuta in tutto il mondo per la sua techno intricata, incisiva e dai suoni scuri e mentali. Il suo debutto su Off Recordings segue una lunga serie di ottime uscite nel 2020, FORM Music, Tronic, Prospect Records, Dirty Minds, Octopus Recordings, Complexed Records e la sua Kuukou Records solo per citarne alcune.

Sandbox Wars ci porta in un viaggio nel tempo, con suoni old school potenti e ipnotici.
La traccia inizia subito con il groove vigoroso, seguito dal crescendo dell’arpeggio “Electro mood”. Loop vocali e linee di synth aggressive si combinano perfettamente nella stesura e preparano, nella pausa, alla potente ripartenza.

Simina si conferma essere uno dei “suoni” più prolifici e promettenti della scena techno underground.

Mink – Trip EP

mink trip ep

Con sede a New York e gestita da Kareem Cali, Teksupport Records si è fatta notare fin da subito per l’ottima selezione musicale, pubblicando musica di Markus Suckut, Andre Kronert, Mike Dehnert, Steve Parker e Roberto Clementi.

mink trip ep

La nuova uscita è firmata da Mink, nuovo ed entusiasmante produttore americano che è apparso di recente su un VA per “On Edge Society” e che ora debutta con un EP completo con tre lavori originali.

A fornire il remix è P.Leone, capo di E-Missions, nativo di Brooklyn e ora residente a Berlino.

La sua musica è stata pubblicata su Rekids di Radio Slave, BPitch di Ellen Allien e Work Them di Spencer Parker, oltre a varie collaborazioni con Dustin Zahn.

“Trip” dà il via alle danze con un ritmo di batteria influenzato da percussioni tribali e atmosfere techno raw.

Il remix di P.Leone parte subito con un kick potente e colpi di basso deformanti.
Alcuni elementi della traccia originale sono utilizzati per creare textures mentre leggere note di campana nascoste tra i layer fanno risaltare l’attenzione per chi ama i dettagli.
Il break intricato di sperimentazioni sonore crea la giusta propulsione per la parte finale.

La terza traccia “Warp” è un viaggio lento, incentrato su ritmo funky e suoni dai toni acidi.

“Clone” chiude l’EP con un’immersione profonda in un estetica acida, il giusto esempio di come il crescendo e la moderazione creano una jam martellante pronta per il club.

 

Shay De Castro ‘September in Boise’

shay de castro september in boise

La talentosa Shay De Castro rilascia un EP di 2 tracce per Le Club, etichetta italiana del Dj & producer Veerus.

Shay De Castro fa il suo ritorno nel radar delle uscite discografiche con un nuovo EP di 2 tracce dal titolo ‘September in Boise’. Quest ultimo viaggio sonoro offerto dalla talentosa Shay, segue direttamente i suoi altri due EP, ‘RAVEnous’ (5 tracce pubblicato su Eclipse ad inizio marzo) e ‘Assembly’ (3 tracce pubblicato su Codex a metà giugno).
‘September in Boise’ è ora disponibile su Le Club, etichetta di proprietà dell’ottimo produttore italiano Veerus.

september in boise shay de castroL’EP prende il via immediatamente con la traccia omonima. Il taglio club-ready, presenta paesaggi sonori introspettivi insieme a un ritmo ipnotico e propulsivo. I sintetizzatori taglienti e il rolling bass completano il resto di questa produzione di quasi sei minuti e mezzo dal gusto epico e inebriante.

Dal tono più acuto la seconda traccia dell’EP, ‘Orwellian Future’.
Shay trasporta senza sforzo la stessa energia nella seconda traccia dell’EP, spostandosi su suoni neo-trance. La melodia percussiva possiede un ritmo trainante che è pieno di emozioni crude e un’intensità palpabile.

Entrambi i brani esaltano la techno caratteristica carica di sfumature trance della produttrice.

Abbiamo scambiato due chiacchiere con Shay

Ciao Shay, felici di fare due chiacchiere con te. Come vanno le cose? Stati Uniti, Messico, dove vivi al momento?

Ciao! Grazie, il piacere è mio! Vivo a metà tra Stati Uniti e Messico, ma ho intenzione di restare in Messico per un bel po’. Sta andando tutto abbastanza bene, considerando il periodo!

Mi ricordo che volevi trasferirti in Europa? Ancora di questa idea? Dove esattamente?

Vediamo cosa succede con la situazione del Coronavirus. In questo momento in Messico è stato tutto molto tranquillo, il che ha reso relativamente facile affrontare la situazione. Come cittadina statunitense / messicana non posso nemmeno entrare nell’Unione europea in questo momento.

Com’è la situazione lì? I club stanno lavorando?

La situazione per fortuna non è affatto male. Molti club ora sono aperti e potresti pensare che si sia “tornati alla normalità”, tranne per le mascherine necessarie per entrare nei ristoranti e nei negozi di alimentari.

Come descriveresti il ​​tuo viaggio musicale fino ad ora? E il tuo 2020?

È stato interessante e pieno di sorprese – immagino che si possa usare per entrambe le risposte ahah.
Il 2020 è stato piuttosto difficile per me, come lo è stato per tutti, ma sto cercando di pensare positivo.

Se potessi cambiare solo una cosa nel settore, quale sarebbe e perché?

Direi che c’è ancora molta misoginia in questo settore. Forse è un po’ controverso, ma esistono ancora molte molestie, e molte persone ritengono che sia ingiusto che ci siano donne di successo nel settore perché hanno in mente che il tutto derivi solo dal loro aspetto. Non conosco una donna in questo settore che non abbia lavorato sodo per arrivare dove si trova, oltre ad affrontare le suddette molestie. Vorrei che le donne fossero veramente riconosciute come giocatrici alla pari nel gioco. Rebekah ha fatto un ottimo lavoro nel riportarlo alla luce con il suo movimento #forthemusic. Ho un sacco di rispetto per lei.

La tua creatività e ispirazione sono state influenzate da questo strano momento?

Ad essere onesti, sì. È difficile sentirsi ispirati a volte, soprattutto se non sai se e quando potrai proporre la tua musica davanti alle persone.
Non che la mia ispirazione e creatività dipendano solo da questo, ma gioca un ruolo importante.

Come descriveresti il ​​tuo suono?

Direi pieno di carica, versatile, qualcosa che può suscitare un momento di riflessione mentre si guida così come infiammare un club.

Pensi che torneremo alla normalità o ci sarà una completa evoluzione del mercato?

Questa è un’ottima domanda, soprattutto perché molti governi sembrano intenzionati a cancellare la scena rave. Penso che molte persone inizieranno a crearsi dei “Piani B” in termini di carriera perché hanno visto con quanta facilità tutto questo potrebbe andare in pezzi. Penso anche che l’underground risorgerà se le cose non torneranno alla normalità, più forte che mai. Se ciò accadrà, forse gli artisti più piccoli riceveranno maggiori opportunità poiché le enormi commissioni per i migliori DJ in tour non saranno più del tutto giustificate. Non posso dirlo con certezza, ma a prescindere, niente sarà completamente uguale a prima.

“Codex”, “Eclipse” e ora “Le Club”, tutte etichette forti su cui rilasciare musica, cosa possiamo aspettarci da Shay in futuro?

A novembre pubblicherò su Respekt Recordings di Spektre, che è un mio sogno sin da quando sono entrata nel mondo della techno. Ho anche un paio di remix in arrivo, insieme ad altre cose in lavorazione che sono entusiasta di condividere!

Raccontaci di più sul ‘September in Boise’. Come hai conosciuto Veerus / Le Club? Qualche storia in particolare da condividere?

Eravamo nella green room del Drumcode Awakenings all’ADE lo scorso ottobre (incrociando le dita che l’ADE si farà l’anno prossimo) e un amico comune ci aveva presentato. Sono rimasta colpita da quanto fosse gentile e umile. Ci siamo tenuti in contatto su Facebook e mi sono sentita a mio agio nel mandargli alcuni dei miei brani perché li suonasse. Successivamente mi ha chiesto se volevo firmare “September in Boise” e “Orwellian Future” con la sua etichetta e ovviamente ho detto di sì.

Cosa ti ha ispirato le tracce?

Sono una grande fan di Orwell e quello che alcuni potrebbero chiamare un “teorico della cospirazione”, quindi 1984 non era troppo lontano dalla mia mente. ‘September In Boise’ è stato proprio quello, ricordando settembre nella mia città natale di Boise, Idaho.
Sono ricordi agrodolci e penso che siano davvero emersi in pista.

Qualche piano futuro che vuoi condividere?

In questo momento sto lavorando alla prima uscita della mia etichetta, di cui sono davvero eccitata / terrorizzata. Mi sento come se avessi dei bambini, sarebbe come prepararli per il loro primo giorno di scuola, mettendoli sullo scuolabus là fuori nel mondo haha.

Club or festival?

è dura! Sarei entusiasta di entrambi in questo momento, ma continuo a dire che nulla corrisponde all’ambiente intimo del club. Sai, quando tutti sono perfettamente in sintonia tra loro? È il migliore.

Club preferito?

È un’altra domanda difficile a cui rispondere, ma dirò che per quanto riguarda le vibrazioni, Santo Perdido in Guatemala è folle. È letteralmente proprio accanto a un vulcano che sta lentamente eruttando mentre ti stai esibendo, il che è fantastico e un po’ apocalittico.

Analogico o digitale?

Al momento, digitale.

Top 5 labels

Respekt Recordings, Filth on Acid, Drumcode, Etruria Beat, BPitch

Top 5 plugin

Diva, Fabfilter EQs, and lately Valhalla Reverb, Decapitator and Kick2.

Grazie per il tuo tempo, ti auguriamo il meglio.

Grazie anche a voi! State al sicuro e spero di vedervi presto su qualche pista da ballo nel mondo!

Luigi Madonna & Roberto Capuano ‘Mad World’ EP

Luigi Madonna Roberto Capuano Mad World EP

I due artisti campani uniscono nuovamente le forze su Drumcode

Luigi Madonna ha contribuito assiduamente alla scena della musica elettronica nei suoi 20 anni di carriera e si è guadagnato giustamente il suo posto come uno dei talenti Techno indispensabili.
Sulla scia del suo EP “Colors of The Day”, Luigi unisce le forze con il collega napoletano e amico Roberto Capuano per il concept Ep “Mad World”. Disponibile ora su Drumcode.

“Mad World” apre l’EP in modo diretto, con cassa e basso per dare il giusto tono a questo viaggio di 3 tracce. Realizzato tra due studi in un mondo pre-COVID-19, la traccia è ispirata dalla visuale di corpi frenetici in movimento, appartenenti a un tempo oramai andato.
La traccia risuona di elementi ‘groove-induced’ percussivi mentre sintetizzatori da peak-time esplorano il vasto spettro della techno.

La seconda traccia dell’ EP è ‘System Alert’, un brano ispirato ai cambiamenti climatici e alla risposta di Madre Natura alla trasgressione umana. Studiando il concetto degli interessi commerciali dell’uomo e dei loro effetti catastrofici sui polmoni verdi della terra, Luigi e Roberto si aprono con una fusione di toni futuristici per fare riferimento alla loro analogia sonora. Tuttavia, è il pitch-bending del sintetizzatore principale che consolida questa trama; un’epitome della sirena della natura, che chiede all’umanità di cessare la sua distruzione.

“Headquarter” è l’ultima aggiunta a questa raccolta concettuale di produzioni.
L’intro è sostenuto da un campione vocale distorto, con un fascino cinematografico che spesso manca nelle produzioni di questo tipo. Il taglio della traccia è caratterizzato dalle “tempeste” dei suoi sintetizzatori oscillanti in contrasto a un groove acuto. Completata insieme nel nuovo studio di Luigi ad Amsterdam, è il viaggio creativo inaugurale che li ha lasciati estasiati dai risultati.

Luigi Madonna ha sviluppato una grande finezza artistica nel corso della sua carriera e si propone come pioniere di una nuova varietà di Techno purista, legata sempre alle radici dei suoi primi lavori.
Proiettato in avanti e sempre alla ricerca di nuovi suoni, la sua sempre fiorente discografia ha continuato a progredire nel tempo, conducendo il circuito in nuovi territori con questa miscela ipnotica di vecchio e nuovo.
Con cinque EP completi, collaborazioni e remix per Drumcode, pubblicazioni su Second State e REDIMENSION, Luigi si dimostra essere un contributore chiave per la scena Techno.

BEC – Turning Point EP

BEC è una stella emergente del panorama Techno moderno che si sta facendo strada molto rapidamente.
Il suo talento in studio è stato subito apprezzato e condiviso dalle label più importanti della scena come Second State di Pan Pot, Intec di Carl Cox e Drumcode di Adam Beyer.
La scelta di aprirsi la propria label nasce dal desiderio di non voler mettere un freno alla propria creatività.

Dopo il debutto a marzo, c’erano molte aspettative per questo secondo lavoro e “Turning Point” non le ha deluse.
Tre tracce che esplorano il lato minimale, scuro e ipnotico di BEC. I suoni ci riportano agli albori della techno, a una ricerca purista ed essenziale del suono.

“Turning Point” inizia con kick deciso e percussioni nitide che danno il giusto tono alla struttura. Il motivo principale è un sintetizzatore acuto, che si deforma e si intreccia in un atmosfera cupa e sinistra.

In “The Forgotten One” BEC mostra tutto il suo talento per la musica che colpisce direttamente al dance floor. Combinando i suoni di batteria con una linea di basso dinamica, crea la base perfetta per il vorticoso synth arpeggiato.

“The Hedonist” è ricca di elementi di sound design avvolti da un pad atmosferico che ti cattura.

Premiere via 6AM